Ritorno dall’inferno.  Viaggio nella memoria di un internato militare italiano

di Luigi Renzo (Ferrari 2013)

pp. 128, € 13,50.

All’indomani dell’8 settembre del 1943, oltre seicentomila militari italiani furono disarmati, schedati e internati nei campi di detenzione sparsi in tutto il territorio del Terzo Reich. L’acronimo IMI (Internati Militari Italiani), coniato nella Germania nazista, indicava il loro status. Durante i cupi e lunghi venti mesi di prigionia gli IMI sopportarono la fame, il freddo, la sofferenza, l’umiliazione, il lavoro e la paura. Nel suo romanzo-verità lo storico Luigi Renzo ricostruisce il pathos di quei terribili momenti, ripercorrendo la vita del padre, deportato e sopravvissuto all’orrore del 2° campo DP 2-A, in Renania. In questo affresco di un’umanità offesa, la cronaca di una situazione al limite delle forze si fonde alla volontà di cercare un futuro anche oltre l’orrore. Un libro che invita a riflettere e ricordare, un fermo immagine su un deserto di dolore e annientamento in cui brillano schegge di speranza verso un nuovo inizio.

Luigi Renzo (Campana, 28 giugno 1947) è un vescovo cattolico italiano. Mons. Renzo ha frequentato il Seminario Arcivescovile di Rossano e, successivamente, il Seminario Teologico San Pio X di Catanzaro. Si è laureato in Teologia alla Pontificia Università Lateranense ed in Pedagogia all’Università di Urbino. È stato ordinato sacerdote per la Diocesi di Rossano-Cariati l’8 agosto 1971. Nel 1991 è stato nominato Cappellano di Sua Santità. Nel 2007 papa Benedetto XVI lo ha eletto Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea.

Ha ricoperto uffici e ministeri. Si è occupato di studi di storia e cultura locale ed ha vinto vari premi letterari per la poesia e la saggistica. Collabora con la “Gazzetta del Sud” ed altri periodici. Inoltre è stato direttore del periodico diocesano “Camminare insieme”. Numerose sono le sue pubblicazioni.

Annunci