Se chiudo gli occhi, Simona Sparaco, Giunti, 2014

Se chiudo gli occhi, Simona Sparaco - copertina

Intenso, ammaliante, poetico, “Se chiudo gli occhi” conferma Simona Sparaco come una voce straordinaria della narrativa italiana. Protagonisti un padre e una figlia che non si parlano da anni; tra loro un segreto che li unisce e li separa e una terra magica che li sta aspettando. Viola nella vita ha imparato molto bene una cosa: nascondersi. I vestiti di una taglia troppo grande, un impiego ben lontano dalle sue passioni di bambina, quando inventava storie e le appuntava su fogli di carta, un bravo ragazzo come marito, con cui, però, forse l’amore non c’è mai stato. Poi un giorno, mentre sta sviluppando alcune fotografie nel negozio in cui lavora, si fa largo tra la folla del centro commerciale un uomo alto e dinoccolato, ancora bello nonostante l’età: è suo padre, l’artista famoso, l’irregolare, l’eterno bambino. È tornato, è venuto a cercarla per proporle un viaggio nella loro terra d’origine e per dirle qualcosa di molto importante. Ma come fidarsi un’altra volta dell’uomo
che l’ha abbandonata? Come credere di nuovo a una delle sue funamboliche storie? La tentazione, però, è troppo forte, e Viola accetta. Mentre un paesaggio innevato scorre oltre il finestrino, l’inaspettata sincerità di quell’uomo disarmato inizia a far breccia nelle difese di Viola e, quando insieme arrivano alle pendici dei Sibillini, dove è custodito un antico segreto, una nuova forza la travolgerà: la forza dell’amore, che Viola non ha mai conosciuto, della verità, del perdono, di un luogo che la chiama a sé con la sua luce misteriosa e avvolgente. È un viaggio davvero magico se il prezzo della felicità è abbandonarsi con gli occhi chiusi al potere della vita che è pronto ad accoglierci.

 

Simona Sparaco - foto

Simona Sparaco, scrittrice e sceneggiatrice, è nata a Roma. Dopo aver conseguito una laurea in Gran Bretagna in Scienze della Comunicazione, spinta dalla passione per la letteratura, è tornata in Italia e si è iscritta alla facoltà di Lettere, indirizzo Spettacolo. Ha poi frequentato diversi corsi di scrittura creativa, tra cui il master della scuola Holden di Torino. Nel 2009 ha pubblicato il romanzo “Lovebook” e, nel 2010, “Bastardi senza amore”, tradotto anche in lingua inglese. Nel 2013 è uscito per Giunti “Nessuno sa di noi”, un istantaneo bestseller del passaparola, ristampato in 15 edizioni, vincitore del  “Premio Roma” e finalista al “Premio Strega”. Vive tra Roma e Singapore.

Annunci