Etica dell’acquario, Ilaria Gaspari, Voland, 2015

etica-dellacquario-ilaria-gaspari-voland

“Dall’acquario stavamo per essere liberati, autorizzati finalmente al mare aperto…”

Gaia è bella, egocentrica e infelice. Un giorno di novembre torna nella città in cui ha studiato, dopo un’assenza di dieci anni. A Pisa niente sembra cambiato, invece è cambiato tutto. Gaia ritrova gli amici di una volta e il suo amore dei tempi dell’università; ma a dividerli ci sono, ora, gli anni passati lontani e la morte di una compagna di studi, Virginia, avvenuta in circostanze oscure. L’inchiesta sul misterioso suicidio si snoda fra le vie della città e i collegi della Scuola Normale, fra ricordi sepolti e ossessioni che vengono alla luce.

Estratto della recensione su Panorama: 

Pisa in novembre soccombe a una pioggia disperata. Ilaria Gaspari personifica la città toscana in una fiaba plumbea piena di simbologie archetipiche,  un romanzo d’esordio ricco di plancton letterario e psicanalitico. Lo stesso titolo,Etica dell’acquario, è misterioso e sfuggente come un inner speech, un atto linguistico inespresso, un’immagine in libera associazione con i pensieri oscuri e il vivere quotidiano. A Pisa si ritrovano dopo dieci anni Gaia e Marcello, Leo e Cecilia, ex compagni di università in un acquario di cervelloni: la Scuola Normale di Pisa. Sembrano felici, l’intesa di un tempo non ha perso vigore. Ma il motivo per cui sono di nuovo insieme nasconde il germe di un’angoscia che si scioglierà solo nell’ultima pagina.

IlariaGaspari

Ilaria Gaspari è nata a Milano nel 1986 e si è diplomata in Filosofia alla Scuola Normale di Pisa. Attualmente vive e lavora a Parigi, dove sta scrivendo una tesi di dottorato. Etica dell’acquario è il suo primo romanzo.

Annunci